Vacanze e Archeologia in Puglia (UGENTO)

L'archeologia puglieseha una delle massime espressione con la città di Ugento



L'antichissima Ugento, come testimoniano le possenti mura e i numerosissimi reperti archeologici trovati nella zona, è una delle città più importanti del salento, si trova tra Gallipoli e Leuca.
DA VISITARE A UGENTO
Chiesa Cattedrale
La cattedrale è di origine relativamente recente, essendo stata quasi tutta la città distrutta nell incursione saracena del 1537. L'antica cattedrale era in stile gotico, quella attuale sorge sullo stesso sito ove sorgeva l'antica, e fu edificata intorno al 1700 e aperta al culto il 30 giugno 1745.
Si trova ubicata accanto all'Episcopio, prospiciente il Duomo e la piazza Vittorio Emanuele II. L'esterno fu fatto eseguire nel 1855 dal Vescovo Francesco Bruni.

Chiesa Madonna di Pompei
La cappella, ubicata in via Mare, fu fatta costruire dalla famiglia Grecucci di Ugento, nello splendore del secolo scorso. Attualmente appartiene all'Ente Comunale.

Chiesa del Curato
Questa piccola chiesetta, è situata su una roccia scoscesa, all'incrocio tra via Barco e la vecchia via Ugento-Gemini. Il nome «Curato», proviene dal fatto che la chiesa si compone di un unico vano, con annessa la casa del curato.

Torre del Parco
Sorgeva nel centro del grande parco della famiglia Del Balzo e precisamente di proprietà di Pirro fratello di Aghelberto conte di Ugento. La sua costruzione risale intorno al 1300.


STORIA UGENTO

Nulla si sa circa l'arrivo delle popolazioni chiamate dai greci "messapiche" (ovvero "popolo che sta in mezzo ai due mari") che qui misero piede per prime; ma é noto che questi centri subirono una radicale ristrutturazione, intorno al VII secolo a.C., in base a modelli urbanistici tipici delle città greche. Sotto i Romani diventò capitale di una vasta zona, grazie anche al "Portus Salentinus", l'attuale Torre San Giovanni, dove una volta si trovava il porto romano: mediante scavi effettuati nella zona, è infatti stata individuata la presenza di un antico emporium, oggi insabbiato, i cui resti sono custoditi presso il Museo Archeologico. La caduta dell'Impero Romano, avvenuta nel 476, segnò anche il declino per Ugento che, in seguito, fu presa di mira dai Goti, dai Longobardi e dai Saraceni e, nell'arco di sei secoli, ridotta allo stato di rudere.

Quando nel 1399 fu annessa al principato di Taranto la sua popolazione ammontava a circa ottomila abitanti. Nel centro del paese si trovano il Castello, austero ed imponente, restaurato e rimaneggiato più volte negli anni, la Cattedrale dalla facciata neoclassica, costruita agli inizi del Novecento sui ruderi dell'antica chiesa distrutta dai Turchi, e il Museo Archeologico ospitato in un antico convento. Su questo tratto di costa le spiagge sono basse e di sabbia finissima, un paradiso per i turisti che possono anche immergersi nelle secche di Ugento e andare alla scoperta di tesori naufragati.

Le migliori offerte per le vacanze economiche in Puglia, prenota adesso l'estate 2016 nel salento