Ottobre in Puglia, week-end in offerta

La Puglia in Ottobre è una delle regioni italiane in cui vale la pena trascorrere un long week-end o un fine settimana


Sono molte le tradizione popolari e le feste che si svolgono in Puglia a Ottobre:
ecco alcuni consigli di luoghi caratteristici da visitare a ottobre in Puglia:

Bovino (Foggia - Italia)
Festa di San Celestino - Sagra delle Castagne ottobre

Nella Chiesa Santa Maria delle Grazie si venera San Celestino Martire, centurione romano convertitosi alla fede cristiana e per questo giustiziato. Il suo Corpo, mantenutosi quasi intatto nei secoli, è contenuto in un’artistica urna, insieme ad un’ampolla con il suo sangue. Fu estratto con mandato del Papa dal cimitero di San Callisto (III sec. d.C.) in Roma e la relativa concessione fu emanata nel 1800.

Bovino festeggia San Celestino soldato e martire la seconda domenica di ottobre.

I festeggiamenti in onore del Santo iniziano con l'arrivo della Fanfara dei Bersaglieri (nel pomeriggio della vigilia). Le manifestazioni civili proseguono con la cerimonia di deposizione delle corone di alloro ai Monumenti ai Caduti.

Immancabile, la sera, l’appuntamento con la sagra delle castagne nel suggestivo quartiere di “Via Sotto le Mura”.

La domenica mattina spari di mortaretti danno il via alla festa religiosa che si conclude con una solenne processione nella quale viene portata in corteo la Teca contenente le reliquie di San Celestino, e anche la statua della Madonna delle Grazie.

Particolarmente interessante è la Fiera di San Celestino.

Castellana Grotte in Ottobre: festa di San Francesco

CASTELLANA GROTTE
Castellana Grotte è un noto comune della provincia di Bari. La cittadina è considerata la porta attraverso la quale si possono ammirare i tesori che la Puglia custodisce anche nelle segrete cavità del sottosuolo, a decine di metri di profondità. Il complesso carsistico delle grotte di Castellana è tra i più vasti d'Italia e, senza dubbio, quello più suggestivo e meraviglioso. Uno scenario di incomparabile bellezza, che l'uomo ha saputo cogliere e valorizzare. La piccola ma attiva cittadina, a 290 s.l.m., basa la sua economia prevalentemente sul settore agricolo (olive, mandorle, ciliege) e industriale (vetreria, produzione vini e olio, industrie conserviere).

Cenni storici

Il toponimo deriva da Castellania, l'abitazione del castellano, con l'aggiunta, dal 1950, dello specificativo che indica la presenza delle grotte carsiche scoperte nel 1938. Gli abitanti si chiamano Castellanesi. Sorto probabilmente negli ultimi secoli dell'alto Medioevo grazie alla colonizzazione operatavi dal Monastero di San Benedetto di Conversano, è citato per la prima volta in documenti del secolo X. Rimase sino alla seconda metà del secolo XIII sotto la giurisdizione dei monaci, poi sotto quella delle Badesse dello stesso monastero. Saccheggiato da truppe ungheresi verso la metà del secolo XIV, entrò a far parte, all'incirca nella stessa epoca, della Contea di Conversano, di cui seguì poi le vicende storiche e feudali

Le migliori offerte per le vacanze economiche in Puglia, prenota adesso l'estate 2017 nel salento